Norvegiani

"Farai e disferai in continuazione il tessuto della tua vita, in attesa di trovare la sola esistenza che ti possa appartenere davvero”.

L’ITALIA DI MAGNUS

Norvegiani ha ospitato molte testimonianze di italiani in Norvegia per una vacanza o per sempre, che hanno offerto ai lettori diverse motivazioni e diverse percezioni del paese scandinavo. In questo post invertiamo la rotta: Magnus è norvegese, ma vive in Italia e, come noterete leggendo la sua testimonianza, ha imparato davvero bene  la nostra lingua! 

“Come mai hai deciso di venire qui in Italia?” Mi chiedono. Diciamo che il mio interesse per l’Italia è nato presto. Nel senso che da piccolo ero un grande fan del calcio italiano, e soprattutto di Roberto Baggio. Portavo persino il codino a dieci anni. Una cosa che a mia madre non piaceva per niente. Forse sarà un’esagerazione dire che l’interesse per l’Italia in se è nato in quel periodo lì, ma è un ricordo che ancora oggi risuona quando penso all’Italia, che negli ultimi anni è diventato il mio secondo paese. Perché quei ricordi di Roby Baggio – il fenomeno che giocava tutta la sua carriera con una gamba mezza, e che ha sbagliato quel rigore nel ‘94 – per me con gli anni è diventato un simbolo potente. Perché pure l’Italia è un fenomeno che, secondo come lo vedi, gioca con una gamba e mezza. Ma non lo dico per fare polemica, lo dico con amore e speranza per il futuro. Non è un caso che è lui il calciatore più amato della storia del calcio italiano. Poi un paio d’anni fa quando ho iniziato il percorso per fare il master in storia e filosofia, e mi sono detto che era arrivato il momento per imparare una terza lingua. La scelta è stata facile.

Ho il cuore diviso tra due città qui in Italia. Una è Bologna. La città dei portici, delle torri, di Lucio Dalla. Dove ho studiato, creato, sofferto, sorriso e soprattutto…mangiato molto bene. Un clima di merda, ma con gli abitanti veramente buoni. Poi c’è Sestri Levante in Liguria. Il mio primo incontro con l’Italia dopo che avevo deciso di imparare la vostra lingua. Mi sono iscritto per fare un corso intensivo lì, e dopo quell’estate ci torno spesso. Mi sento veramente a casa lì. Sarà perché c’è il mare, la Baia del silenzio, le colline, le montagne, tutto circondato di verde. Ma soprattutto mi sento a casa a Sestri perché lì ho avuto la fortuna di conoscere le persone che oggi ritengo come la mia famiglia italiana.

Per quanto riguarda le abitudini italiane e norvegese, potrei parlare per ore ed ore. Ho adottato il ritmo italiano dei pasti, nel senso che per pranzo mangio tanto e ceno più tardi che in Norvegia. “Il problema” è che ho adottato quello senza rinunciare alla colazione abbondante ed il kveldsmat (pasto di sera). Poi il modo italiano di socializzare devo dire che mi piace. Ho preso l’abitudine di parlare con le persone che incontro nei negozi eccetera quando l’occasione si presenta. Praticamente la metà delle persone italiane che conosco, le ho conosciute così. Ma c’è un’abitudine norvegese che non lascio mai: fermarmi con la macchina quando una persona deve attraversare la strada. Non voglio dire che è un’abitudine italiana fare il contrario, ma qui a Roma la maggior parte degli autisti mi fanno veramente incazzare. Quotidianamente sparo le parolacce, in norvegese, ai motorini e le macchine quando mi accarezzano in 70 chilometri all’ora. Ho una missione, destinata a fallire ovviamente. I miei colleghi norvegesi qua a Roma mi dicono che la rabbia e la frustrazione passeranno dopo un paio di mesi. Resta da vedere.

Poi, che altro vi racconto? Qualcosa sulla vostra lingua. La lingua più bella del mondo. Potrei parlare del congiuntivo (sì, lo so, anche tanti italiani non lo sanno usare), che mi ha fatto andare in crisi quando sentivo sicuro che finalmente ero riuscito a capire i tempi. Ci doveva stare un congiuntivo nella frase precedente, no? Lasciamo stare con il congiuntivo. La parola italiana che mi fa più ridere, ma anche sorridere di gioia, è…. SQUACQUERONE. Sembra una di quelle “parole” che Qui, Quo e Qua urlano tutti insieme quando gli capita qualcosa di magnifico o spaventoso. Squacqueroneee!!! E poi è un formaggio veramente buono buono.

12324957_10156664938340228_214871035_n

 

5 commenti su “L’ITALIA DI MAGNUS

  1. Michele
    marzo 17, 2016

    Caro Magnus, anche io a mio tempo ho scritto per questo blog, ed anche io come te pensavo al paese che poi mi ha ospitato già da bambino.
    Come tanti norvegiani (anche tu lo sei, uguale per verso ma opposto per direzione) le ragioni del tuo percorso risiedono non nel freddo calcolo di un lavoro o nella rabbia di chi non ha possibilità, ma nella parte più profonda del cuore, quella dei sogni e delle aspirazioni.
    Cos’altro posso dirti? Sappi che ora vivo a Torino, ma sono del sud Italia, quindi se passi qui in piemonte oppure visitare il nostro magnifico sud (ed imparare imprecazioni che si adattano veramente a qualunque situazione) puoi contattarmi,
    Un saluto ed in bocca al lupo per tutto.
    Michele

  2. Magnus
    marzo 18, 2016

    Ciao Michele! Grazie per il tuo commento bello, e hai perfettamente ragione per quanto riguarda i sogni, le aspirazioni eccetera. Un saluto anche a te, in bocca al lupo, e se mi capita di essere a Torino ci sentiamo!

  3. enrico
    marzo 23, 2016

    avete presente il cantante dei Kings of Convenience? anche lui ha lasciato la Norvegia per stabilirsi in Sicilia, a Siracusa

    http://www.cafebabel.it/cultura/articolo/erlend-oye-il-re-norvegese-della-sicilia.html

    http://berlinocacioepepemagazine.com/intervista-erlend-oye-2933/

    • Camilla Bonetti
      marzo 23, 2016

      Davvero! Non lo sapevo. Bravo Erlend e bravissimo Enrico per aver condiviso quest’informazione: un altro Norvegiano da aggiungere all’elenco 🙂

  4. enrico
    marzo 23, 2016

    prego, non ce di che…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il marzo 17, 2016 da in Prime impressioni norvegiane con tag , , , , , , , .

Tempo fa…

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: