Norvegiani

"Farai e disferai in continuazione il tessuto della tua vita, in attesa di trovare la sola esistenza che ti possa appartenere davvero”.

Arbeidssøker? Come cercare lavoro su a Nord

Qualora si decidesse di cercare lavoro in Norvegia, la prima cosa da sapere è questa: la conoscenza linguistica è importante. Le uniche professioni in cui non viene richiesto il norvegese sono legate all’industria petrolifera: gli ingegneri e i tecnici specializzati se la possono cavare con l’inglese. I corsi di lingua sono a pagamento, salvo rare eccezioni (per studenti e coniugi stranieri di norvegesi), e partendo da zero sono necessari almeno tre corsi, della durata di un mese ciascuno, per raggiungere un livello base di comprensione e interazione.

Le offerte di lavoro vengono pubblicate quotidianamente su siti specializzati: i maggiori sono “nav.no” e “finn.no”. Selezionando “ledige stillinger” su nav e “jobb” su finn avrete accesso all’elenco completo delle posizioni disponibili. Per evitare di perdersi tra professioni e località, è molto utile il menu laterale, presente su entrambi i siti, che consente di contrassegnare le località e gli ambiti lavorativi di interesse. Ogni annuncio è correlato di indirizzo mail a cui spedire il proprio curriculum, talvolta vi è anche un numero di telefono a cui è possibile richiedere maggiori informazioni.

Che tipo di CV inviare?

Se siete interessati a professioni per cui è importante sottolineare qualifiche e titoli di studio, va bene il modello Europass, anche in inglese, accompagnato da una lettera di referenze.

Se invece volete lavorare in ristoranti, bar o negozi, meglio essere brevi e usare il modello norvegese. Due pagine al massimo. Sui libri di testo dei primi livelli è quasi sempre presente un esempio di questo tipo di CV, un utile riferimento da cui copiare  la struttura e i titoli delle varie sezioni in cui è diviso. Ricordatevi sempre di inserire delle referenze, qui sono molto importanti: solitamente richiedono il numero di telefono di un ex datore di lavoro (mi raccomando, che parli inglese!). Potete inoltre chiedere all’insegnante di norvegese se fosse disponibile ad essere contattato per dimostrare che avete frequentato il corso di lingua.

Si può utilizzare la mail a cui allegherete il vostro curriculum per scrivere una breve presentazione di voi stessi, possibilmente in norvegese. Spiegate chi siete e quali sono le vostre competenze e conoscenze per cui ritenete di essere adatti alla professione richiesta nell’annuncio. Scacciate la tentazione di aggiungere esperienze lavorative inventate: con Internet le bugie si scoprono anche dall’estero. E siate onesti sul livello di conoscenza linguistica: “inglese fluente” qui significa “inglese parlato quasi a livello di un abitante dell’Inghilterra”.

Qualora vi trovaste già in Norvegia al momento della ricerca di lavoro, potete consegnare personalmente il vostro curriculum al responsabile della selezione. In tal modo, al momento della scelta dei candidati da sottoporre al colloquio, il vostro profilo sarà correlato anche di una prima impressione diretta, quindi più facilmente preso in considerazione.

Fatto questo resta solo una cosa da fare: krysser fingrene!

[CONTINUA CON Arbeidssøker 2 : il colloquio]

.

Ti potrebbe interessare anche:

Perché VI trasferirete in Norvegia
Trasferirsi (e magari rimanere) a Nord?
Vi må lære norsk !

.

5 commenti su “Arbeidssøker? Come cercare lavoro su a Nord

  1. Gabriele
    agosto 29, 2012

    Bellissimo blog e informazioni molto utili! Io e mia moglie tornati da pochi giorni dalla luna di miele in Norvegia, ce ne siamo innamorati e stiamo cercando informazioni per trasferirci a Tromsø o un altro paese della Norvegia del Nord.
    Un’altra informazione, se non è troppo disturbo, sai consigliarci qualche corso (in italia)/sito per il Norvegese? Ci piacerebbe tornare tra qualche mese e avere almeno un’infarinatura della grammatica base.

    Tusen takk! 🙂

    • biancamilla
      agosto 31, 2012

      Immagino la sensazione, il motivo per cui mi trovo in Norvegia è stato l’Erasmus del mio fidanzato proprio a Tromso. Non me la sono sentita di andare tanto a Nord, ma rimane un viaggio che dobbiamo assolutamente fare. Qualche corso base di norsk online lo puoi trovare su livemocha.com oppure su http://www.ntnu.edu/now. Per quanto riguarda i corsi in Italia, credo si possano trovare nelle città, ma onestamente non sono informata. In bocca al lupo, fatemi sapere come va 🙂

  2. natalia_pi
    settembre 12, 2012

    grazie delle info!
    anche se a occhio e croce se mai finissimo in Scandinavia sarebbe per andare in Svezia, credo.

    sapere il tedesco aiuterebbe a imparare le lingue nordiche, credo e almeno sarebbe UNA cosa positiva dell’averlo imparato :p

    sono curiosa di vedere come reggerai l’inverno buio. è una delle cose che temo di più dell’essere trascinata lassù, già a Vienna lo prendo malaccio!

  3. vale
    settembre 4, 2013

    Ciao Camilla, complimenti pe ril tuo blog: piacevole ed utile.
    Volevo chiederti come funziona in norvegia il settore legato a servizi alla persona e salute mentale. Quali servizi ci sono e come funzionano, e se esistono anche psicologi che fanno la libera professione o solo strutture pubbliche.
    Un altro settore che mi interessa, sia come possibilità lavorativa che come mamma, riguarda le scuole per i bimbi fino ai 3 anni; gli asili nido o loro equivalenti. Sono curiosa di sapere se sono come i nostri, e quale sia la disponibilità effettiva di posti per le famiglie. Se ci siano solo i nidi pubblici o anche strutture private, e se siano diffuse le ‘tagesmutter’, cioè mamme che tengono in casa un piccolo nido, massimo 5 o 6 bambini.
    Do per assunto che ci vuole il norvegese, come ben spiegato da te e da altri blogger.
    Scusa la pioggia di domande…
    Grazie, ciao.
    Valentina

    • biancamilla
      settembre 5, 2013

      Ciao Valentina! Ti ringrazio per i complimenti, innanzitutto, e provo a rispondere alla “pioggia” di domande. Comincio dall’argomento asilo, che conosco meglio, avendoci lavorato per un anno. Il barnehage norvegese accoglie i bambini dell’asilo nido (1/2 anni) e quelli della scuola materna (3/5 anni). L’80% dei bambini norvegesi comincia l’asilo al compimento del primo anno di vita. Più volte ho parlato dell’atteggiamento molto rilassato con cui le maestre norvegesi si occupano dei piccoli e della grande autonomia con cui questi si vestono, mangiano e risolvono problemi (aspetti che spesso fanno rabbrividire le italiche mamme). Ci sono asili comunali e privati, nell’ultimo post FAQ ho spiegato i tempi e i costi di iscrizione, alla domanda n.14 🙂
      Esistono anche le “tagesmutter” che i norsk chiamano dagmamma; facendo una rapida ricerca su google ho trovato il sito “www.registrertdagmamma.no”, più un elenco di dagmamma nelle varie città norvegesi.
      Passando alla psicologia, ho consultato utdanning.no, il sito che illustra i percorsi di studi necessari per svolgere le varie professioni e come queste funzionino. Qui dice che gli psicologi operano negli ospedali, negli istituti privati, in associazioni che si occupano di problemi comportamentali e visitano privatamente. Credo che tu debba convalidare i titoli di studio italiani e, eventualmente, sostenere esami complementari, oltre ad avere un buon livello di conoscenza del norvegese. Ti consiglio di consultare il sito nokut.no, che spiega le procedure di convalida e le professioni per cui queste sono necessarie.
      Spero di esserti stata utile 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tempo fa…

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: