Norvegiani

"Farai e disferai in continuazione il tessuto della tua vita, in attesa di trovare la sola esistenza che ti possa appartenere davvero”.

Vacanze norvegiane: consigli per l’uso

L’estate è il momento migliore per godersi le meraviglie naturali della Norvegia. Per chi progettasse un tour da queste parti, ecco qualche consiglio per una bella vacanza  a prova di portafoglio. La prima cosa da fare è raggiungere Oslo con una compagnia aerea economica: la Ryan Air (http://www.ryanair.com/it) vola da Milano Orio al Serio, Roma Ciampino, Alghero, Pescara, Pisa, Palermo e Venezia-Treviso. Dalla capitale ci si può muovere con i voli interni offerti dalla compagnia nazionale Norwegian http://www.norwegian.com/ o dalla Scandinavian Airlines http://www.flysas.com/. Altrimenti può convenire, anche per fattori di comodità, prenotare un volo dall’Italia direttamente con queste due compagnie o con la Lufthansa: così facendo non dovrete correre per prendere in tempo le coincidenze, né spendere soldi per le navette necessarie a muovervi tra i vari aeroporti di Oslo. 

Per quanto riguarda il pernottamento, ostelli e appartamenti possono essere la soluzione ideale. Nel primo caso potete cercare tramite http://www.hostelworld.com e prenotare pagando subito online un deposito del 10%. Un posto letto di solito oscilla tra i 25-30 euro per le camerate (comunque tranquille e spesso ben tenute) ai 35-50 per camere doppie o singole. Controllate se la colazione è compresa: viste le quantità di cibo che consumano al risveglio i norvegesi, potete risparmiare sul pranzo. Una buona selezione di bed and breakfast è invece presente su http://www.bbnorway.com, con foto e recapiti dei proprietari. Se siete in un gruppo numeroso può essere interessante l’opzione affittare un appartamento, magari stringendosi un po’: il sito http://www.visitnorway.com/it offre tutte le soluzioni, ed è anche possibile affittare le caratteristiche case dei pescatori. Un’altra soluzione, se siete giovani e avventurosi, può essere iscrivervi al sito http://www.couchsurfing.org/ e consultare l’elenco delle persone disposte a ospitarvi in casa per brevi periodi.

I ristoranti sono abbastanza cari: considerate soltanto che in un pub nella zona turistica, per un normale hamburger e una birra, difficilmente spenderete meno di 30 euro. Se preferite invece assaggiare la cucina tipica, i piatti della tradizione sono semplici e spesso a base di pesce, e spostandovi in zone meno turistiche potete sicuramente trovare “trattorie” frequentate dalla gente del posto.

Nei supermercati, come ad esempio il Rema1000, che ha prezzi abbastanza contenuti, potete acquistare salmone affumicato di ottima qualità, salami di renna, aringhe, carne di balena e altre pietanze nordiche con cui preparare facilmente una cena in ostello o in appartamento. Altrimenti, se proprio non resistete al richiamo italico, potete trovare anche pasta e sughi Barilla.

Se volete acquistare bevande alcoliche, ricordate che nei negozi si trovano soltanto birra e sidro a bassa gradazione; questi vengono venduti ogni giorno fino alle 18, il sabato fino alle 16. Ogni altra bevanda di gradazione alcolica superiore a 5 gradi viene venduta al Vinmonopolet, un grande supermercato dell’alcol, che segue orari molto rigidi e ha prezzi, per un italiano, allucinanti.

E’ bene informarsi su quali locali facciano particolari promozioni in serata, per evitare di pagare dieci euro una birra piccola, e soprattutto, lasciate perdere i cocktails: oltre a costare molto, sono preparati con i misurini, che li fanno risultare annacquati prima ancora che il ghiaccio si sciolga! Ricordate che è sempre necessario mostrare un documento che testimoni la maggiore età, sia per comprare alcol al supermercato che per bere nei locali.

Siete fumatori? Qui un pacchetto da venti costa intorno ai dodici euro, quindi o vi limitate o portate scorte di contrabbando. Occhio però alla dogana, i norvegesi sono molto precisi e severi contro i vizi: portare una quantità di sigarette (o alcol) superiore al consentito dalla legge oltre la frontiera può comportare multe salatissime! Smettere di fumare potrebbe essere un’idea, l’aria fresca e pulita non è poi così male.

Con i soldi risparmiati, approfittatene per girare il più possibile il paese. Se scegliete di godervi un bel tour organizzato, basterà recarvi al punto di informazioni turistiche più vicino appena arrivate. Se invece volete pianificare il vostro viaggio da soli, fatelo con abbastanza anticipo per avere la possibilità di prenotare spostamenti e affittare i mezzi necessari.

Un giro in barca nei fiordi, con il sole di mezzanotte che vi scalda mentre soffia il vento dell’oceano, vi farà scoprire un’estate diversa da quella a cui siamo abituati, ma comunque meravigliosa.

.

Ti potrebbe interessare anche:

Hardangerfjord, il paradiso dietro casa.
Preikestolen: sospesi sul fiordo
Una passeggiata a Bergen attraverso le stagioni

.

8 commenti su “Vacanze norvegiane: consigli per l’uso

  1. francesco
    ottobre 27, 2012

    ciao signora Biancamilla!!!mi chiamo Francesco e sono di Rieti,una città vicino Roma; sto leggendo con simpatia i tuoi blog perchè prima di tutto sono un curioso estremo delle culture e tradizioni del”mondo”e poi perchè ci stanno letteralmente cacciando dal posto dove viviamo!Dopo una accurata ricerca,anche grazie al tuo blog, abbiamo deciso che la Norvegia è quello che potrebbe essere giusto per noi(io e mia moglie)!stiamo iniziando ad imparare il norvegese in un corso trovato su internet perchè qui nella nostra città è praticamente fuori dalla realtà anche tentare di cercare un corso di norvegese…seguendo i tuoi consigli stiamo anche facendo delle ricerche su che tipo di lavoro possiamo cercare;io sono autista di bus pubblici da 10 anni(anche se prima ne ho fatti tanti altri)e stavo cercando che tipo di aziende o società fanno questo tipo di lavoro specialmente a Bergen per iniziare a inviare qualche CV!ora,io sto cercando come un indiavolato in internet almeno i nomi delle compagnie che fanno questo servizio(il trasporto pubblico)anche in inglese,ma non c’è traccia!La cosa che volevo chiederti,con gentilezza e la massima pazienza,conosci un sito,o anche solo alcuni nomi di aziende che fanno questo servizio?è ovvio che,una volta che ho provato questa possibilità e non verrò accettato allora farò altri tentativi con altri lavori ma per prima cosa vorrei tanto trovare il lavoro a cui sono abituato!grazie e buona giornata! 🙂 e,a proposito,grazie anche per tutte le cose che hai scritto,ci hanno fatto veramente da “guida”!!!

    • biancamilla
      ottobre 27, 2012

      Ciao Francesco,
      la società di trasporto pubblico qui a Bergen si chiama Skyss, il sito è http://www.skyss.no; purtroppo è disponibile solo in norvegese, per cui devi scaricare un programma di traduzione, in modo da poterci capire qualcosa. Sulla home, nel menu in alto a destra, trovi la voce “om skyss”, cliccando ti si apre un nuovo menu all’interno del quale trovi “ledige stillinger” (offerte di lavoro). Al momento non ci sono posizioni disponibili, ma ti consiglio di consultare anche il sito nav.no, in cui appaiono tutte le offerte di lavoro disponibili per area geografica o settore d’interesse. Ciò che credo tu debba sapere, è che per lavorare nel trasporto pubblico è necessaria un’ottima conoscenza della lingua norvegese, per capire non solo i passeggeri ma anche tutte le comunicazioni di servizio. In bocca al lupo!

      • francesco
        ottobre 28, 2012

        wow che efficienza,ti ringrazio tantissimo!!!!quindi,a causa del mio non perfetto norvegese,cosa mi consiglieresti di puntare per un prima approccio lavorativo?io e mia moglie conosciamo bene l’inglese(non “italianamente”parlando)e lei anche il russo perchè è russa,non so se potrebbe essere una valida e possibile alternativa cercare lavori come cameriere o in qualche hotel….ti ringrazio tanto e buona domenica! 🙂

  2. biancamilla
    ottobre 29, 2012

    Con le conoscenze linguistiche che avete, vi consiglierei di provare in primavera le selezioni per fare le guide turistiche durante la stagione estiva. Si tratta di un lavoro interessante e flessibile a livello di ore impegnate, vi lascerebbe tempo anche per i corsi di lingua o per un eventuale secondo lavoro in ristoranti o hotel. Ti allego l indirizzo di uno dei siti specializzati nella ricerca di guide, la scadenza per l application e il 16 gennaio.

    http://www.norwegianguideservice.no/guide_course/

    Mi scuso per la mancanza di apostrofi e accenti, ma sto usando una tastiera norvegese e non trovo nulla di famigliare alla nostra amata lingua italiana!
    Spero di essere stata utile !

    • francesco
      ottobre 29, 2012

      Certo che ci sei stata utile!!!ti ringraziamo molto per questa “dritta”,sei stata gentilissima!credo che dobbiamo dare una acceleratina al nostro corso di norvegese 🙂
      Per la mancanza di apostrofi o accenti…non me ne ero neanche accorto,per la foga che avevo di leggere la tua risposta!
      Se non sono troppo invadente,posso chiederti come ti trovi in Norvegia?e cosa ti manca dell’Italia?
      Spero di non aver abusato della tua pazienza,grazie mille!!

  3. valeriacastiello
    maggio 6, 2015

    Ciao! Complimenti per l’l’interessantissimo blog, innanzitutto 🙂 Io quest’estate dal 19 al 22 Agosto sarò a Bergen: la mia prima volta in Norvegia! Alloggeremo tutti e 3 i giorni al centro della cittadina e cercavo informazioni sugli itinerari naturalistici da fare in giornata, anche prevedendo giornata piuttosto piene, più che altro per capire meglio il budget. Dici che conviene vedere solo l’Hardangerfjord con il norway in a nutshell? ma quanto tempo si sta effettivamente a contatto con la natura piuttosto che sul treno? 2 ore? Per gli altri 2 giorni che suggerisci invece? Grazie!:)

    • biancamilla
      maggio 8, 2015

      Ciao Valeria, ti consiglio innanzitutto di salire al Fløyen con il trenino che parte dal centro città e all’Ulriken con la funivia. Norway in a nutshell è molto bello, personalmente ho preferito Sognefjord in a nutshell, ancora più scenico dell’Hardangerfjord. Il tempo di viaggio non è poi così lungo e, in ogni caso i paesaggi sono meravigliosi sia dal treno che durante la crociera in barca. Credo sia un investimento da fare!

  4. marina
    gennaio 11, 2017

    Cara Biancamilla solo da lunedì ho scoperto questo sito…..
    cercando appartamenti ad Oslo…… già ho letto molto e , tanto per non sbagliare ,..ho acquistato il tuo libro on-line dalla Polaris……
    Lo sto attendendo con ansia……
    mio marito a pochi mesi dalla pensione….ha ricevuto la proposta di venire in Norvegia a lavorare ad Oslo …per un paio d’anni!!
    Il colmo! Ma di questi tempi …visto che può….lavorare ancora un pò non guasta e soprattutto da quelle parti!!!
    Ora però chiede a me… (moglie , cuoca, badante , segretaria…ecc. chi più ne ha più ne metta) di trovargli casa…..
    il problema al di là dei costi (sigh!) è che parliamo di un fumatore incallito che non ci pensa affatto a rinunciare …..oltre a tutte le cose che lascia qui….alle sue (ahimè) amate sigarette!!
    Sul sito FINN-NO che sto spulciando….come da te indicato …trovo scritto: ” no animali e fumatori” !!
    Per la verità ogni tanto gli animali sono ammessi……!
    Insomma è davvero impossibile? dovrò venire apposta ad Oslo a cercare un fumatore che lo ospiti?…..per non parlare …e vi prego di non ridere ….del fatto che vorrebbe pure il bagno con bidet!(ma questo se lo può scordare….)

    AIUTATEMI……a desperate house wife!
    Ciao a presto Marina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tempo fa…

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: